Notizie

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

GENERAZIONE LOCUSTE

Generazione locuste

Il non più di primo pelo collega  de “L’Espresso” Emiliano Fittipaldi ha condotto un’inchiesta contro la “Generazioni locuste: gli anziani sono più ricchi e i giovani devono spartirsi le briciole. Capisco l’incazzatura delle ultime generazioni precipitate nella crisi dei tempi delle vacche magre. Persino i miei figli me ne dicono di tutti i colori. Mi contesta, ci contestano, ci tirano le orecchie  persino dentro il libro che ho scritto di recente “Confessioni di un settantottino/panchinari mai”, dove se ti venisse la voglia di curiosare fra le pagine, mi scoprirai nel cercare di sfatare i tanti stereotipi sulla generazione locuste. I pensionati pagano 66 miliardi l’anno di tasse. Siamo l’unico Paese al mondo che non concede né sconti sul fisco né altri benefici agli anziani. Negli ultimi anni sono stati sottratti a 5,5 milioni, e solo a loro; di pensionati 9,7 miliardi di euro di mancata perequazione, pari ad una perdita media pro-capite di 1.779 euro. Le famiglie risparmiano 24  miliardi l’anno grazie ai nonni baby-sitter. I nonni bancomat  aiutano figli e nipoti con 5,4 miliardi. Investono ogni anno 6 miliardi nel settore del turismo. Gli anziani più fragili danno lavoro a 3milioni di badanti. Nonostante la casta stia a guardare con le mani in mano o con le mani in pasta, nonostante non si investa un euro per far ripartire il lavoro e l’occupazione con l’alibi di subire le condizioni di un’Europa matrigna, sono gli over65 che oggi fanno girare l’economia. Prima di fare di ogni erba un fascio con le teste  dei pensionati (le pensioni di fame sono in grande maggioranza) non sarebbe male ascoltare le ragioni dell’altra campana che ha conquistato la longevità anche  per le future generazioni

(romano bartoloni, 16 Giugno 2015)